William Otis Galbreath e la tecnica linfatica contro l’otite

ricerca-AIMO-giugulare
AIMO, lo studio pilota sulla compressione giugulare apre la strada agli studi sul movimento craniale
15 gennaio 2021
Percezione del trattamento osteopatico nelle donne in gravidanza
8 febbraio 2021
Mostra Tutto

William Otis Galbreath e la tecnica linfatica contro l’otite

William-Otis-Galbreath-osteopata

Tra le personalità che hanno fatto la storia dell’osteopatia, William Otis Galbreath è ricordato soprattutto per una tecnica di drenaggio linfatico, utile contro l’otite

 

Nato negli Stati Uniti nel 1882, William Otis Galbreath è ricordato come una delle personalità più influenti nella storia dell’osteopatia nell’ambito dell’oftalmologia e dell’otorinolaringoiatria. È suo infatti il merito di aver sviluppato una tecnica linfatica che si rivela di grande aiuto nei casi di otite media.

 

Gli anni di studi osteopatici e i riconoscimenti accademici

William Otis Galbreath si laureò come osteopata nel 1905. Già nel 1919 entrò a far parte come ricercatore del Philadelphia College of Osteopathic Medicine, presso il dipartimento di otorinolaringoiatria: i suoi ambiti di studio riguardavano infatti i disturbi legati a orecchie, naso e gola.

A quel tempo Galbreath aveva già pubblicato numerosi studi nel campo, pubblicati sulla  prestigiosa rivista dell’American Osteopathic Association, tra cui “Surgical Treatment of Diseased Tonsils” e “Structural Adjustment in the Nasal Chambers”.

Galbreath lavorò prevalentemente all’interno dell’ambiente universitario: nel 1921 divenne direttore del Dipartimento di Otorinolaringoiatria del Philadelphia College of Osteopathic Medicine, carica che mantenne fino alla sua morte nel 1938.

 

La tecnica di Galbreath e il suo utilizzo nei casi di otite media

Nel 1929 sviluppò una semplice tecnica linfatica usando la manipolazione mandibolare per aiutare le tube di Eustachio ad aprirsi e chiudersi, permettendo all’orecchio di drenare il liquido accumulato in modo più efficace.

Perché questa tecnica agisse al meglio, Galbreath introdusse l’uso di un cuscino sotto il collo del paziente durante il trattamento manipolativo, per facilitare il drenaggio linfatico in casi di otite media (o infezione dell’orecchio medio).

Molte ricerche anche più recenti hanno supportato l’efficacia della tecnica di Galbreath: soprattutto in ambito pediatrico, questa tecnica può essere utilizzata per fronteggiare i problemi dell’orecchio medio.