“L’osteopatia è soprattutto relazione”: intervista al Tutor Bruno Segagni

Percezione del trattamento osteopatico nelle donne in gravidanza
8 febbraio 2021
Emanuele_Anilli_tutor_junior_CFTO
Emanuele Anilli, tutor junior CFTO, ci racconta le sue passioni: l’osteopatia e lo sport
2 marzo 2021
Mostra Tutto

“L’osteopatia è soprattutto relazione”: intervista al Tutor Bruno Segagni

IntervistaSegagniOK

Tutor Junior ed ex studente di AIMO, Bruno Segagni ci racconta la sua quotidianità all’interno del Centro di Formazione e Tirocinio Osteopatico

Bruno Segagni, ci dice qualcosa di più sulla sua formazione osteopatica e sul ruolo che ricopre in AIMO e CFTO?

Ho studiato presso l’Accademia Italiana Medicina Osteopatica, frequentando il corso Full Time in osteopatia della durata di 5 anni: nel 2016 ho ottenuto il diploma che mi ha conferito il titolo di osteopata D.O.

Dopo il diploma, come prevede l’iter interno ad AIMO e CFTO per diventare Tutor, sono diventato assistente alla docenza, ruolo che ricopro tuttora. Lavoro infatti come assistente nei corsi Principi di Osteopatia Strutturale (2° anno di corso Full Time) e Principi di Osteopatia Craniale (3° anno di corso Full Time e corso Part Time).

In CFTO ricopro il ruolo di tutor clinico il lunedì mattina, dove seguo gli studenti del 4° anno del corso Full Time.

Perché ha deciso di continuare la sua carriera all’interno dell’Accademia?

Per molte ragioni: anzitutto perché grazie all’esperienza acquisita in AIMO e CFTO sono riuscito ad approfondire l’osteopatia strutturale, sicuramente il campo di interesse che sento più mio.
Un altro motivo, non meno importante, è la possibilità di vivere appieno la relazione che si crea tra paziente e operatore: presso il Centro di Formazione e Tirocinio Osteopatico vivo ogni giorno la possibilità di crescere professionalmente come terapista e come persona.

Come giudicherebbe il suo rapporto con gli studenti all’interno del CFTO?

Coltivare un rapporto con gli studenti è sicuramente l’aspetto più stimolante del mio lavoro: conoscere gli studenti nella loro singola personalità, individuare insieme a loro i punti di forza e di debolezza, capire come e dove lavorare durante l’anno per andare a migliorarli. Questa è una soddisfazione grandissima. È emozionante ascoltarli e sapere, attraverso i loro giudizi, di aver contribuito almeno in parte alla loro formazione personale e professionale.

Credo molto nello spirito di squadra. Non a caso una delle mie attività preferite al di fuori del lavoro è il calcio: gioco in seconda categoria con la squadra del Paina calcio.

Svolge la professione di osteopata presso uno studio?

Sì, lavoro nel mio studio privato a Giussano (MB) e collaboro con lo studio dentistico del dottor Mingardi nella stessa città.