Osteopatia in pazienti ospedalizzati: i risultati di uno studio del 2019

24x1ora
AIMO e CFTO alla 24x1ora di Saronno
28 giugno 2019
emicrania_cronica
Emicrania cronica e osteopatia: la ricerca è in corso
17 luglio 2019
Mostra Tutto

Osteopatia in pazienti ospedalizzati: i risultati di uno studio del 2019

ospedalizzati_osteopatia

Il trattamento manipolativo osteopatico (OMT) è noto soprattutto per i suoi benefici nel miglioramento del dolore muscolo-scheletrico. Tuttavia molti studi hanno esaminato gli effetti dell’osteopatia su pazienti ospedalizzati per diversi motivi tra i quali polmoniti, degenze postchirurgiche, nel postparto, nelle degenze per bambini prematuri compreso le disfunzioni dell’allattamento.

Obiettivo dello studio: Verificare quali sono I motivi di invio per una consultazione di medicina manulale osteopatica all’interno di una clinica universitaria americana.

Quando e da chi è stato condotto lo studio?

Questo studio descrittivo è stato condotto nel maggio 2019 presso un centro medico accademico con un sistema di registrazione digitale dei dati ben consolidato. La revisione retrospettiva ha esaminato i dati relativi a tutte le consultazioni per medicina manipolativa osteopatica tra il 1 ° gennaio 2015 e il 30 giugno 2015.

Quali sono stati i risultati raccolti?

Delle 1310 consultazioni totali incluse nello studio, 620 (47,0%) elencavano un disturbo muscoloscheletrico come principale o unica ragione per una consultazione, di cui 231 erano per il mal di schiena (18,0%), seguito da dolore al collo 69 soggetti [5,0%] ) e mal di testa (46 [4,0%]). La successiva motivazione più comunemente riscontrata per la consultazione è stata la difficoltà di alimentazione neonatale (352 [27,0%]) o altra consultazione neonatale per altri motivi (66 [5,0%]). Un totale di 272 consultazioni (21,0%) non erano limitate ai disturbi muscoloscheletrici e comprendevano un disagio non specifico (96 [7,0%]) o un disturbo respiratorio (53 [4,0%]). Un totale di 209 (16,0%) consultazioni ha rilevato che i pazienti erano postoperatori; 124 (9,5%) per post-partum; 57 (4,4%) per fibrosi cistica; e 21 (1,6%) per costipazione.

Alla luce di questi risultati, quali sono state le conclusioni del gruppo di ricerca?

La maggior parte delle consultazioni osteopatiche ospedaliere sono state richieste per i disturbi muscoloscheletrici, immediatamente seguiti da problemi di alimentazione neonatale.
Sebbene sia chiaro che alcuni medici ritengono che l’osteopatia possa aiutare i loro pazienti, il numero delle richieste era ancora piuttosto basso, suggerendo che molti medici potrebbero non sapere che i trattamenti manipolativi osteopatici siano in grado di aiutare i pazienti con disturbi respiratori, nel recupero postoperatorio e nella stipsi.

Qual è la tipologia di problematiche trattate presso il CFTO?

Molto varia, basti considerare che abbiamo pazienti di entrambi i generi e di tutte le età: neonati, adolescenti, donne in gravidanza, neo mamme, atleti e anziani. Di conseguenza le problematiche trattate con l’osteopatia spaziano notevolmente.

Cosa offre CFTO rispetto agli altri centri? Quali sono i vantaggi di rivolgersi al vostro centro?

La presenza di un team di studenti, medici e osteopati che collaborano insieme permette di individuare e pianificare un piano di azione che aiuti il paziente che presenta queste sintomatologie.
Innanzitutto, la formula di benvenuto gratuita che prevede la prima visita e due trattamenti osteopatici successivi. Questo permette al paziente di conoscere gratuitamente il servizio da noi offerto. Presso il nostro Centro di Formazione e Tirocinio Osteopatico le visite e i trattamenti si svolgono con professionalità e con modalità di stampo accademico. Presso il CFTO operano gli studenti dell’Accademia Italiana di Medicina Osteopatica supervisionati dai loro docenti e tutor con i quali devono discutere il caso e presentare le loro evidenze.