“In CFTO è possibile assistere al cambiamento”: intervista al tutor Riccardo Seveso

William Leslie Johnston
William Leslie Johnston e la definizione del metodo funzionale
20 maggio 2021
Frederic Lockwood Mitchell (1)
Fred Mitchell, il padre delle tecniche a energia muscolare
29 luglio 2021
Show all
Tutor-Seveso (1)

Riccardo Seveso dopo essere stato assistente, ricopre da due anni il ruolo di tutor in CFTO. Dell’ambito clinico apprezza la possibilità di assistere al cambiamento.

Buongiorno Riccardo può raccontarci il suo percorso?

Dopo il diploma di maturità scientifica ho intrapreso il corso full-time di osteopatia, per i primi due anni presso ICOM di Cinisello. Poi però ho completato il corso di studi presso AIMO a Saronno. Qui ho conseguito il diploma in osteopatia (D.O.) nel 2015 e successivamente il titolo di B.Sc(Hons)Ost. nel 2019.

Quali sono le sue passioni?

Al di fuori della mia professione ho sempre manifestato un’attitudine e una passione per gli sport praticando a livello agonistico calcio fin da bambino.

Qual è il suo ruolo in AIMO e CFTO? E quali sono i suoi ambiti di interesse?

In AIMO svolgo il ruolo di tutor presso il CFTO da due anni dopo aver svolto il ruolo di assistente nelle materie POS/TOS e tecniche articolari. Gli aspetti di maggior interesse del mio lavoro sono il trattamento e la gestione dell’atleta: la prevenzione degli infortuni, il miglioramento dei gesti e della performance, il recupero post infortunio sono elementi che nella vita di un atleta, professionista o amatore, possono fare la differenza.

Se dovesse individuare un plus di CFTO per la sua crescita professionali, quale sarebbe?

La collaborazione e la condivisione di situazioni ed esperienze tra tutor e studenti all’interno dell’ambito clinico, ma anche umano è l’aspetto più bello. Quotidianamente ci si ritrova ad affrontare situazioni nuove e diverse con gli studenti: stimolare e supportare un nuovo professionista nella sua formazione è molto gratificante. Ma soprattutto vedere da vicino il cambiamento è una bella sensazione, anche perché spesso richiede molta fatica per entrambe le parti. Assistere al fatto che, nel tempo, gli studenti “arrivano” a considerare il paziente come persona nella sua totalità e non solo come paziente richiedente un aiuto è una grande soddisfazione.

Dove svolge la sua professione di osteopata?

Lavoro presso il mio studio a Bovisio Masciago (MB) e presso studi medici e polispecialistici a Cuneo e provincia.